Venezia 74: tutti i vincitori del 2017

Il 9 settembre si è tenuta la serata di premiazione di Venezia 74 dove sono stati celebrati i migliori film e interpreti delle opere cinematografiche che vedremo prossimamente sul grande schermo.

Un altro anno di grandi successi per la Mostra del Cinema di Venezia 2017, dove Guillermo del Toro ha conquistato l’ambita statuetta per miglior film con The Shape of Water.

Venezia 74: tutti i vincitori

L’acclamato The Shape of Water: l’ultimo film di Guillermo del Toro ha vinto il Leone d’Oro a Venezia 74.

Il film non ha solo portando a casa non solo recensioni entusiaste ma anche alti ratings sul sito web americano Rotten Tomatoes.

La nuova opera del regista di Il Labirinto del Fauno è una fiaba gotica con elementi fantasy, ambientata nel pieno della Guerra Fredda americana.

A causa del suo mutismo, l’addetta alle pulizie Eliza (Sally Hawkins) si sente intrappolata in un mondo di silenzio e solitudine, specchiandosi negli sguardi degli altri si vede come un essere incompleto e difettoso, così vive la routine quotidiana senza grosse ambizioni o aspettative.

Incaricate di ripulire un laboratorio segreto, Elisa e la collega Zelda (Octavia Spencer) si imbattono per caso in un pericoloso esperimento governativo: una creatura squamosa dall’aspetto umanoide, tenuta in una vasca sigillata piena d’aqua.

Eliza si avvicina sempre di più al “mostro”, costruendo con lui una tenera complicità che farà seriamente preoccupare i suoi superiori.

 

Leone d’argento Gran Premio della Giuria: Foxtrot di Samuel Maoz

Leone d’argento per la migliore regia: Xavier Legrand per Jusqu’à la garde

Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile premiata anche con un Reverso Jaeger-LeCoultre: Charlotte Rampling per Hannah

Venezia 74

Hannah è il film diretto dall’italiano Andrea Pallaoro con protagonista Charlotte Rampling.

Il ritratto intimo di una donna che non riesce ad accettare la realtà che la circonda.

Rimasta sola, alle prese con le conseguenze dell’arresto del marito, Hannah inizia a sgretolarsi.

Attraverso l’esplorazione del suo graduale crollo emotivo e psicologico, il film indaga il confine delicato tra l’identità del singolo, le relazioni umane e le pressioni sociali.

Nel cast anche André Wilms.

 

Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile premiato anche con un Reverso Jaeger-LeCoultre: Kamel El Basha per The Insult

Migliore Sceneggiatura: Martin McDonagh per Three Billboards Outside Ebbing, Missouri

Three Billboards Outside Ebbing, Missouri segue le tragicomiche vicende di una madre in cerca di giustizia per la figlia, che ingaggia una lotta contro un disordinato branco di poliziotti pigri e incompetenti.

Dopo mesi trascorsi senza passi in avanti nelle indagini sull’omicidio di sua figlia, Mildred Hayes (Frances McDormand) decide di prendere in mano la situazione e “rimbeccare” le indolenti forze dell’ordine. Sulla strada che porta in città, la madre furente noleggia tre grandi cartelloni pubblicitari sui quali piazza una serie di messaggi polemici e controversi, rivolti al capo della polizia William Willoughby (Woody Harrelson).

Lo stimato sceriffo di Ebbing prova a far ragionare la donna, ma quando viene coinvolto anche il vice Dixon (Sam Rockwell), uomo immaturo dal temperamento violento e aggressivo, la campagna personale di Mildred si trasforma in una battaglia senza esclusione di colpi, calci, schiaffi, morsi, insulti e frasi scurrili.

 

Premio Speciale della Giuria: Sweet Country by Warwick Thornton

Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente: Charlie Plummer

Aspettiamo di vedere questi film nelle sale Circuito Cinema nella prossima stagione cinematografica.

Guarda tutte le foto della premiazione della Mostra del Cinema di Venezia 2017