FESTIVAL DEL CINEMA TEDESCO 2022

Dopo il successo della prima edizione, dal 24 al 27 marzo in arrivo a Roma la seconda edizione del Festival del Cinema Tedesco. A fare da location il Cinema Quattro Fontane.

A volere l’iniziativa il German Films che, da oltre 25 anni, promuove il cinema tedesco nel mondo, in collaborazione con il Goethe-Institut e l’Ambasciata della Repubblica di Germania a Roma. Quattro i giorni di programmazione nel corso dei quali saranno presentate alcune tra le più interessanti e recenti produzioni cinematografiche tedesche, alcune in anteprima italiana. Una selezione di film, documentari e cortometraggi di autori e registi che stanno conquistando l’attenzione della critica e dei festival internazionali, accuratamente selezionati da una giuria di professionisti del settore, altra novità di quest’anno. Giurati dell’edizione 2022: Claudia Bedogni, Mauro Donzelli, Miriam Mauti e Cristina Zanetti.

Seconda edizione del festival dedicato alle più interessanti e recenti produzioni cinematografiche tedesche (alcune in anteprima italiana) tra film, documentari e cortometraggi.Una pluralità di tematiche che rendono quanto più articolata la selezione dei film che presenta quattro titoli in anteprima italiana e tre in anteprima romana.

Di seguito il programma. I film saranno presentati in lingua originale con sottotitoli in italiano:

Giovedì 24
19:00 “Toubab” di Florian Dietrich

Venerdì 25
16:45  Next Generation Short Tiger (cortometraggi)
19:00 “Lo sceriffo del bordo piscina” di Marcus H. Rosenmüller
21:00 “La mia fine. Il tuo inizio” di Mariko Minoguchi

Sabato 26
18:00 ” La parola che conta” di İlker Çatak
20:30 “La ragazza con le mani d’oro” di Katharina Marie Schubert

Domenica 27
17:00 “Caro Thomas” di Andreas Kleinert
20:00 “Italo Disco – Il suono scintillante degli anni 80” di Alessandro Melazzini


Giovedì 24 marzo sarà Toubab, opera prima di Florian Dietrich, ad inaugurare il festival in anteprima italiana. Il regista e il protagonista Farba Dieng presenteranno il film al pubblico romano. Al centro del film la storia del giovane Babtou che, rilasciato di prigione, vuole voltare pagina con il passato e non avere più niente a che fare con la polizia tedesca. La festa di benvenuto con il suo amico Dennis gli sfugge di mano e finisce di nuovo in arresto. A peggiorare le cose la notizia che sta per essere rispedito in Senegal, un paese che conosce solo dalle storie raccontate da suo padre. Con la complicità dell’amico Dennis cercherà di cambiare il suo destino.

Venerdì 25 in anteprima italiana sarà presentato Lo sceriffo del bordo piscina di Marcus H. Rosenmüller. Troppo vecchia, troppo costosa ed economicamente insostenibile: la sindaca ritiene che la piscina all’aperto di Grubberg debba essere chiusa. Un’opportunità per il costruttore Albert Dengler: l’area offre molto spazio per la costruzione di nuovi appartamenti. In cambio, demolirà gratuitamente il vecchio impianto. Ma i due non hanno fatto i conti con Karl, che non è solo il bagnino, ma anche l’insegnante di nuoto e lo sceriffo a bordo piscina! Per salvare l’impianto bisognerebbe indire un referendum. Ma riuscirà Karl a recuperare le 600 firme necessarie?

Sempre Venerdì 25 in anteprima romana il film La mia fine. Il tuo inizio di Mariko Minoguchi. “La relatività sostiene che il futuro e il passato hanno la stessa valenza per il presente”, afferma il fisico Aron in apertura. Eppure poco dopo, morirà in una rapina in banca tra le braccia della fidanzata Nora. Il film cercherà dunque di dimostrare la sua teoria di come tutto sia collegato, il passato con il futuro, in un appassionante dramma d’amore criminale

Venerdì 25 sarà inoltre presentata una selezione del meglio della cinematografia breve tedesca. Si tratta di cortometraggi, pensati per la distribuzione nelle sale, che arrivano grazie al German Films e al Filmförderungsanstalt (FFA), l’Ente Federale per la promozione cinematografica tedesca.  Sono i cortometraggi del Next Generation Short Tiger 2021. L’annuale rassegna, giunta al suo undicesimo anno, che propone i più straordinari registi emergenti e i migliori cortometraggi realizzati nel corso dell’anno dagli studenti provenienti dalle scuole tedesche di cinema.

Sabato 26 in anteprima italiana sarà proiettato La parola che conta di İlker Çatak. Per quanto razionale possa sembrare Marion, sia nel proprio lavoro di pilota che nella vita privata, abbandonerà presto questo ruolo dopo l’incontro con Baran, un gigolò conosciuto sulla costa turca e con il quale finirà per sposarsi in un matrimonio fittizio che serve a fargli ottenere la cittadinanza tedesca. Ciò che inizia come una sorta di trattativa diventa presto una storia d’amore e d’identità carica di emozioni, facendo incontrare due culture.

Sabato 26 in anteprima italiana il pubblico potrà vedere La ragazza con le mani d’oro di Katharina Marie Schubert che sarà presente al festival. Il film, ambientato nell’autunno del 1999, ci porta nella Germania dell’Est. Gudrun Pfaff sta per festeggiare il suo sessantesimo compleanno. Fin dalla sua infanzia trascorsa nell’orfanotrofio locale, Gudrun è indissolubilmente legata alla sua città natale e scopre che il sindaco intende vendere il “suo” orfanotrofio a un investitore della Germania dell’Ovest per farne un hotel. Decide di affrontarlo nel cuore della notte e fargli una proposta, dato che un tempo era interessato a lei: sesso in cambio dell’orfanotrofio. Quale il destino per Gudrun e per l’orfanototrofio?

Domenica 27 in anteprima romana sarà presentato Caro Thomas di Andreas Kleinert. A introdurlo al pubblico il produttore Till Derenbach. Un film sulla vita dello scrittore, drammaturgo e regista Thomas Brasch, morto nel 2001 e cresciuto nella DDR sognando di diventare uno scrittore. Quando il padre Horst lo spedisce, appena undicenne, alla scuola per cadetti dell’esercito popolare, si capisce che Thomas non vuole stare lì e che non è disposto a collaborare. Mentre suo padre lavora alla costruzione del paese, la prima opera teatrale di Thomas Brasch viene bandita e lui subisce l’allontanamento dalla scuola di cinema. Nel 1968, quando i carri armati entrano a Praga, scende in strada e si unisce ai manifestanti. Suo padre lo denuncia alla Stasi e Thomas finisce in prigione. Riuscirà a realizzarsi o finirà sempre più isolato nel proprio mondo tra immaginazione e realtà?

Sempre domenica 27, a chiudere il festival in anteprima romana, Italo DiscoIl suono scintillante degli anni 80 alla presenza del regista Alessandro Melazzini. Un documentario che immerge lo spettatore nell’universo musicale di un’epoca in cui milioni di giovani europei si abbandonavano al ritmo scatenato di una musica fatta di melodie sintetiche e accattivanti, testi inglesi più o meno bizzarri, ritmi elettronici coinvolgenti e videoclip visionari. Erano brani cibernetici alimentati dai sogni e dalle speranze di giovani musicisti capaci di sfornare del pop strabiliante, muovendosi sempre a cavallo tra il trash e l’eccellenza. Tra le testimonianze anche quella di Sabrina Salerno e Johnson Righeira. Era il mondo della Italo Disco degli anni 80: nato in Italia, affermatasi in Germania, fece ballare tutto il pianeta. Il suono di un epoca molto spesso raccontata, ma non sempre davvero capita. Con il regista, a fornire la propria testimonianza durante la serata finale, anche Claudio Casalini figura pioneristica tra i dee-jay italiani dell’epoca.

I film saranno presentati in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Il Festival del Cinema Tedesco è promosso da German Films Service + Marketing GmbH, in collaborazione con il Goethe-Institut e l’Ambasciata della Repubblica di Germania a Roma con il supporto del Cinema Quattro Fontane.

 

© 2022 Circuito Cinema
Designed & powered by Napier

Biglietto veloce

Biglietto veloce

Cinema:
Film:
Data:
Spettacolo: