Tutti Lo Sanno: Un Thriller Travolgente Con Una Delle Più Belle Coppie del Cinema

novembre 8, 2018 12:00 pm

Cast stellare per Tutti lo sanno, film diretto dal due volte Premio Oscar Asghar Farhadi (Una separazione, Il cliente) e con protagonisti i pluripremiati Penelope Cruz e Javier Bardem. Grande cinema per un’opera intensa e febbrile, distribuita da Lucky Red. Film d’apertura del Festival di Cannes 2018, sarà nelle sale di Circuito Cinema da giovedì 8 novembre!

 

Una storia dove nulla è come appare

In occasione del matrimonio della sorella, Laura torna con i figli nel proprio paese natale, nel cuore di un vigneto spagnolo. Ma un avvenimento inaspettato e drammatico turberà il suo soggiorno, facendo riaffiorare un passato rimasto troppo a lungo sepolto. Nulla è come appare: bugie e rancori si celano dietro ogni angolo. Tutti hanno torto e allo stesso tempo ragione. Cadono le maschere lì dove TUTTI LO SANNO. Il passato riaffiora e segna il presente dei personaggi.

La storia si ispira a un fatto reale: durante un viaggio nel sud della Spagna, quindici anni fa, il regista vide diverse foto di un bambino affisse ai muri. Quando chiese chi fosse, gli fu detto che era un bambino scomparso e che la sua famiglia lo stava cercando: lì è nata la prima idea del film. Quella storia gli è rimasta sempre impressa e quando ha finito di girare Il passato ne ha tratto un piccolo racconto. In quattro anni, poi, lo ha sviluppato e trasformato in una sceneggiatura. Due le cose che hanno attirato l’attenzione del regista Premio Oscar: il paesaggio e la cultura locale, e il fatto di cronaca al centro della storia. I protagonisti del film, pur trovandosi in una situazione complicata, sono persone semplici: collocarli all’interno di un paesino sottolineava questa semplicità.

Una regia d’autore

Il regista iraniano Asghar Farhadi, uno dei simboli del cinema internazionale, vincitore di premi e riconoscimenti, torna sul grande schermo.

Una carriera incredibile. Nel 2002 scrive e dirige il suo primo lungometraggio Raghss Dar Ghobar (Dancing in the Dust). Il film vince il premio per il Miglior attore al Festival di Mosca, e i premi per la Miglior sceneggiatura e la Miglior regia all’Asian Pacific Film Festival. Un anno dopo gira Sha-re Ziba (The Beautiful City), che si allontana dai canoni del cinema di impegno sociale in voga all’epoca. Il film racconta la storia di un assassino diciottenne condannato a morte, la cui vita è nelle mani della famiglia della sua vittima. Nel 2005 dirige Chaharshanbe Suri (Fireworks Wednesday), ritratto di una famiglia iraniana, vista con gli occhi della sua domestica. Due anni più tardi, Farhadi racconta la storia di un gruppo di amici che vanno in vacanza nel nord dell’Iran. Quando una di loro scompare, il gruppo viene a trovarsi all’improvviso in una situazione difficile, che trasforma il film in un dramma avvincente. About Elly viene proiettato contemporaneamente alla Berlinale e al Fajr Film Festival di Téhéran. A Berlino vince l’Orso d’argento per la regia, e a Tehran viene premitato nella stessa categoria.

Dopo questo grande successo di pubblico e di critica, Farhadi si dedica alla scrittura di Una separazione che realizza nel 2010. Il film commuove il pubblico di tutto il mondo con il ritratto di una famiglia della classe media che attraversa una crisi che condurrà a un divorzio. Una separazione viene presentato al Festival di Berlino, dove ottiene uno straordinario successo di pubblico e di critica, vincendo l’Orso d’oro per il Miglior film e due Orsi d’argento per il Miglior attore e la Miglior attrice. Non è che l’inizio di una lunga lista di premi e riconoscimenti: alla fine, il film si aggiudica oltre 70 premi internazionali, tra cui un Golden Globe, un César e un Oscar.  Successivamente, Asghar Farhadi si stabilisce a Parigi con la sua famiglia per scrivere la sceneggiatura di un film che non sarà ambientato in Iran. Il personaggio principale, Ahmad, torna nella capitale francese per ultimare le pratiche di divorzio dalla moglie, Marie. Il suo ritorno li costringerà a fare i conti con la loro storia. Il passato esce in Francia nel maggio del 2013, negli stessi giorni in cui viene presentato in concorso al Festival di Cannes. Anche questo film viene visto da quasi un milione di spettatori, e torna da Cannes con il premio per la Miglior attrice, per poi essere candidato ai Golden Globe e ai César. Nel 2015 Farhadi torna in Iran per girare Il cliente, che viene terminato nella primavera del 2016 e subito selezionato in concorso al Festival di Cannes, dove vince il premio per la Miglior sceneggiatura e il suo attore principale, Shahab Hosseini, quello per il Miglior attore. Nel 2017 gli vale il suo secondo Oscar come Miglior film in lingua straniera. Qualche mese più tardi, Asghar Farhadi comincia a lavorare al suo nuovo progetto, Tutti lo sanno, girato in Spagna e in spagnolo, per cui riunisce Penélope Cruz e Javier Bardem. L’argentino Ricardo Darin completa il cast.

Una coppia straordinaria sul grande schermo 

Penélope Cruz e Javier Bardem tornano a recitare insieme. Sono una delle coppie più amate di Hollywood, al cinema come nella vita. Due figli e nove pellicole girate uno accanto all’altro, l’ultima delle quali è Tutti lo sanno.

«Asghar mi ha parlato di questo progetto circa cinque anni fa, anche se da allora la storia è molto cambiata – ha commentato la Cruz –. Ma da quando io e Javier abbiamo accettato di fare il film, Asghar ci ha sempre tenuto al corrente dei suoi sviluppi, passo dopo passo. La cosa più interessante, comunque, era quello che gli interessava raccontare attraverso questa storia. In un certo senso, la famiglia del film è una sorta di metafora di quello che accade intorno a noi. Come dice la poesia di Djalal al-Din Roumi che ho scoperto durante le riprese del film grazie a un altro amico iraniano, “se un membro della famiglia soffre, tutti soffrono”. Per me, questa poesia racchiude il senso del film».

A proposito della recitazione accanto a sua moglie, Bardem ha rivelato: «Con Penélope avevamo appena finito di girare Escobar, in cui interpretavamo due personaggi dal carattere molto forte legati da un rapporto estremamente tossico. Avevamo diverse scene insieme, ed è stato un lavoro molto impegnativo. Qui è stato tutto più facile. Penélope è un’attrice che cresce con ogni nuovo ruolo ed è un piacere vederla raffinarsi ogni volta di più. Inoltre, per noi è facile lavorare insieme perché ci conosciamo, e questo ci aiuta sicuramente».

Tutti lo sanno è la loro nuova interpretazione, l’ennesima prova della loro grande capacità attioriale, oltre che come splendida coppia. Non perdetevi il film da giovedì 8 novembre!

 

Scopri il film
© 2018 Circuito Cinema
Designed & powered by Napier

Biglietto veloce

Biglietto veloce

Cinema:
Film:
Data:
Spettacolo: