Sicilian Ghost Story: la Sicilia raccontata attraverso gli occhi di due ragazzi

Sicilian Ghost Story inaugurerà la Settimana della Critica durante la settantesima edizione Festival di Cannes.

Dal 18 maggio nelle sale Circuito Cinema, Sicilian Ghost Story è il primo italiano ad aprire la sezione della importante manifestazione cinematografica.

Sicilian Ghost Story

 

Se ti sogni una cosa, vuol dire che può esistere.

In un piccolo paese siciliano ai margini di un bosco, Giuseppe, un ragazzino di tredici anni, scompare.

All’uscita da scuola, Luna segue Giuseppe, suo compagno di classe, tenendo in mano la lettera d’amore che ha scritto per lui. Giuseppe imbocca un sentiero del bosco montano.

Luna decide di seguirlo ma nella folta vegetazione lo perde di vista. Giuseppe la sorprende alle spalle e le sfila di mano la lettera. Luna tenta invano di riaverla e si allontana da lui furibonda.

Sicilian Ghost Story

Un feroce cane nero le si para davanti, Giuseppe corre in suo aiuto e con coraggio e la salva. Il ragazzino le restituisce la lettera e la convince ad accompagnarlo al campo di equitazione dove si allena.

Luna guarda incantata Giuseppe impegnato nel salto degli ostacoli. Alla fine dell’allenamento, Luna chiama Giuseppe e gli dà la lettera. Giuseppe sigilla quella dichiarazione d’amore con un bacio e si avvia verso la scuderia.

Luna aspetta Giuseppe, il cuore in subbuglio, lo sguardo volto alla fuga di colline del fondovalle, cinto a una estremità da un lago scuro verso cui digrada il bosco montano. Giuseppe non viene più fuori dalla scuderia.

Luna va a cercarlo.

Sicilian Ghost Story

Si avvicina al box dentro il quale il cavallo di Giuseppe si agita. Giuseppe è scomparso.

Luna lo cerca disperatamente, e si ribella al clima di omertà e complicità che la circondano e pur di ritrovarlo, discende nel mondo oscuro che lo ha inghiottito e che ha in un lago una misteriosa via d’accesso.

Solo il loro indistruttibile amore le permetterà di tornare indietro.

Fabio Grassadonia e Antonio Piazza: i registi che raccontano la loro terra

Sicilian Ghost Story

Con questo film volevamo una favola in una Sicilia mai esplorata prima, una Sicilia sognata. Un mondo dei fratelli Grimm di foreste e orchi, che collide con il piano di realtà di cui la nostra terra è inevitabilmente
portatrice.

Fabio Grassadonia e Antonio Piazza sono due sceneggiatori e registi siciliani.

Nel 2010 Fabio Grassadonia e Antonio Piazza hanno scritto e realizzato il cortometraggio Rita, loro debutto alla regia con cui hanno ottenuto importanti riconoscimenti in Italia e all’ estero.

Il loro primo lungometraggio, Salvo, è stato presentato al Festival di Cannes nel 2013 dove ha vinto il Gran Prix e il Prix Révélation della Semaine de la Critique.

Il film è stato poi distribuito in 20 Paesi, e ha partecipato a prestigiosi festival internazionali. Distribuito in 20 paesi, Salvo, in Italia ha riscosso altrettanto successo, vincendo il Nastro d’Argento per la Miglior Fotografia, il Globo d’Oro per la migliore attrice e ha inoltre ricevuto quattro candidature ai David di Donatello e tre ai Nastri d’Argento.

Scopri questa storia di amore e omertà in Sicilian Ghost Story, dal 18 maggio al cinema.