Piigs: l’austerity narrata da Claudio Santamaria

Le cause e gli effetti della crisi economica del 2009 sono raccontati in Piigs attraverso la voce di Claudio Santamaria.

Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sull’euro, ma che non avete mai osato chiedere

Piigs

 

Piigs è un film a metà strada tra Inside Job (documentario del 2010 sulla crisi finanziaria USA) e le storie proletarie di Ken Loach.

Narrato da Claudio Santamaria e con interviste a Noam Chomsky, Yanis Varoufakis ed Erri De Luca. È un viaggio affascinante e rivoluzionario nel cuore della tragica crisi economica europea.

Piigs è un’immersione senza precedenti e senza censure nei dogmi dell’austerity. Il documentario racconta anche le dirette conseguenze dell’austerity a Roma, concentrandosi sulla storia della sopravvivenza di una Cooperativa sociale che assiste disabili e persone svantaggiate.

Dintorni di Roma, oggi. Claudia sta provando a salvare la Cooperativa “Il Pungiglione” dal fallimento. “Il Pungiglione” ha un credito di un milione di euro dal comune e dalla regione e rischia di chiudere per sempre: 100 dipendenti perderanno il lavoro e 150 disabili rimarranno senza assistenza.

È una bomba sociale a orologeria. È vero che nell’Eurozona non c’è alternativa all’austerity, al Fiscal Compact, al pareggio di bilancio, ai tagli alla spesa sociale?

Al fallimento del “Pungiglione”?

Paesi in crisi

Piigs in realtà è l’acronimo dei paesi che hanno sofferto maggiormente del tracollo finanziario del 2009: Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna.

Le cause e le conseguenze che hanno portato alla crisi di alcuni paesi europei sono adesso in questo film realizzato da tre registi dopo cinque anni di ricerche e due di riprese. Grazie a interviste e materiale raccolto dai filmmaker si ricostruisce un capitolo di storia contemporanea.

Ad aprile nelle sale Circuito Cinema la crisi che ha colpito l’Europa negli ultimi dieci viene raccontata con chiarezza in Piigs, indagando nelle cause e negli effetti che ci hanno condotto qui oggi.