I misteri della morte di Van Gogh in Loving Vincent

Loving Vincent, in uscita nelle sale italiane nelle sole date del 16, 17 e 18 ottobre, è il primo lungometraggio ad essere completamente dipinto ad olio.

Il film, diretto dai registi Dorota Kobiela e Hugh Welchman vi catapulterà nel mondo immaginato e visto con gli occhi di Vincent Van Gogh. I capolavori più famosi del celebre pittore espressionista prenderanno vita per raccontarvi la tragica storia del loro tormentato autore.

“Non si può che parlare attraverso i dipinti”

Celebri dipinti di Van Gogh prendono vita per far luce sulla misteriosa morte del pittore, il quale si uccise in circostanze poco chiare.

In un succedersi di racconti sulle vicende dell’artista olandese, il giovane Armand, figlio del postino Joseph Roulin, intraprende un viaggio verso Parigi per capire le cause della morte di Vincent. Grazie all’incontro con Pere Tanguy, agente di Van Gogh, Armand scopre molti dettagli importanti sul caso. Armand decide quindi di approfondire le indagini andando ad Auvers-sur-Oise, luogo in cui è avvenuta la tragica morte. Le risposte potrebbe averle l’eccentrico medico di Vincent, il dottor Gachet.

Il primo film realizzato ad olio

Grazie ad una tecnica completamente nuova, Loving Vincent è il primo film in cui ciascun fotogramma, raffigurante scene riprese dal vero con attori reali, è stato dipinto su tela riproducendo le opere dell’artista olandese.

Per la prima volta nella storia del cinema i quadri prenderanno vita dando voce alla storia di uno dei più famosi pittori al mondo. Loving Vincent, sarà al cinema solo il 16,17 e 18 ottobre.