I film da non perdere nelle sale Circuito Cinema questa settimana

Questa settimana nelle sale Circuito Cinema potrai vedere un film per tutti i gusti.

La settimana cinematografica del 22 giugno ci porta alcuni nuovi titoli molto interessanti.

Le novità di Circuito Cinema

Civiltà Perduta

 

1925, il leggendario esploratore britannico Percy Fawcett si avventura in Amazzonia, alla ricerca di un’antica civiltà, lo splendente regno di El Dorado, con lo scopo di fare una delle scoperte più importanti della storia.

Dopo aver catturato l’attenzione di milioni di persone in tutto il mondo, Fawcett s’imbarca insieme al figlio, determinato a provare che quest’antica civiltà, da lui rinominata Z, esiste.

Ma la spedizione scompare poi nel nulla.

Charlie Hunnam, Robert Pattinson e Sienna Miller ti aspettano al cinema con Civiltà Perduta.

Parliamo delle Mie Donne

 

Fotografo di guerra di fama internazionale e padre assente, Jacques si è sempre preoccupato più della propria macchina fotografica che delle quattro figlie.

Durante un felice soggiorno tra le Alpi, con la sua nuova compagna, il suo migliore amico Frédéric tenterà di farlo riconciliare con la famiglia confessando una grossa bugia che sconvolgerà la sua vita e quella delle persone intorno a lui, movimentando quei giorni di apparente e festosa tranquillità.

Il Premio Oscar Claude Lelouch racconta, ancora una volta, le relazioni tra uomini e donne, dirigendo un cast straordinario e affiatato che regala risate intelligenti e suggestioni.

Parliamo delle Mie Donne è al cinema.

I film che trovi ancora nelle sale Circuito Cinema

Una Doppia Verità

 

Mike Lassiter (Gabriel Basso), ragazzo adolescente, uccide il padre violento (Jim Belushi).

Un caso facile, un colpevole già scritto per tutti, ma non per l’ostinato avvocato difensore Richard Ramsey (Keanu Reeves), che ha promesso alla madre (Renée Zellweger) di scagionare suo figlio.

In seguito all’omicidio, il giovane Mike decide di trincerarsi in un silenzio ostinato, non rispondendo ad alcuna domanda, dopo aver detto in prima battuta “andava fatto tanto tempo fa”.

Un’apparente ammissione di colpa che non convince però Ramsey, intenzionato a portare alla luce la verità a qualunque costo.

In un gioco di depistaggi e colpi di scena, si muovono testimoni non affidabili e personaggi ambigui, accompagnando lo spettatore in un labirinto di menzogne per un processo che si trasforma, passo dopo passo, in un’adrenalinica corsa contro il tempo.

Ma se tutti mentono, qual è la verità?

Una Doppia Verità, l’ultimo film con Keanu Reeves è al cinema dal 15 giugno.

Lady Macbeth

 

Campagna inglese, 1865.

A 17 anni, Katherine è costretta a un matrimonio senza amore con un uomo di mezza età. Soffocata dalle rigide norme sociali dell’epoca, inizia una relazione clandestina con un giovane operaio alle dipendenze del marito, ma l’ossessione amorosa la spingerà in una spirale di violenza dalle conseguenze sconvolgenti.

Considerato uno dei maggiori talenti registici del teatro inglese di oggi e già alla guida del London’s Young Vic Theatre, William Oldroyd firma un sensazionale esordio cinematografico, ispirato al racconto di Nikolaj Leskov “Lady Macbeth del Distretto di Mcensk”, che Šostakovič nel 1934 trasformò in una celebre opera.

Scopri la storia di Lady Macbeth nelle sale Circuito Cinema.

Aspettando il Re

 

Il Premio Oscar Tom Hanks è Alan Clay, un uomo d’affari in crisi che per rimettersi in pista vola in Arabia Saudita nel tentativo di concludere con il Re l’affare del secolo.

Inizialmente disorientato da usanze locali incomprensibili ed estenuato dall’attesa del Re che tarda a riceverlo, Alan cerca di portare avanti il suo progetto con l’aiuto di un bizzarro tassista e di una bravissima dottoressa di cui si innamora.

Mano a mano che l’amicizia tra i tre si rafforza, le barriere culturali crollano e Alan comincia perfino a immaginare di ricominciare tutto da capo lì, dove tradizione e modernità si fondono in modo misterioso e affascinante. Scopri Aspettando Il Re nelle sale Circuito Cinema.

Io Danzerò

 

È stata capace di rivoluzionare la sua epoca e la nostra; punto di riferimento per un’intera generazione di artisti: Toulouse-Lautrec, Rodin e i fratelli Lumiere la ammiravano devotamente.

La regista rivelazione Stephanie Di Giusto riscopre Loïe Fuller, protagonista della meravigliosa Parigi dei primi del 900. Coperta da metri di seta, circondata di luci elettriche e colori, Loïe (interpretata dalla poliedrica Soko), reinventava il suo corpo a ogni esibizione, sorprendendo il pubblico con la celebre e ipnotica “serpentine dance”.

Ma l’incontro con Isadora Duncan (Lily-Rose Depp) avrebbe cambiato presto il corso della sua vita. In concorso al Festival di Cannes 2016 nella sezione Un Certain Regard.

Scopri la storia di questa grande artista in Io Danzerò.

Parigi Può Attendere

 

Parigi Può Attendere segna il debutto alla regia e alla sceneggiatura di Eleanor Coppola.

A lei si unisce l’attrice candidata agli Oscar Diane Lane, interpretando il ruolo della moglie di un produttore di Hollywood, la quale, inaspettatamente, si ritrova a fare un viaggio attraverso la Francia che risveglia in lei delle passioni sopite e una perduta gioia di vivere.

Quello che doveva essere un banale tragitto di sette ore si trasforma in un viaggio alla scoperta di sé stessa, grazie anche agli scorci pittoreschi, al buon cibo, all’ottimo vino, tanto humour, perle di saggezza e molto, molto altro ancora.

Sognare è Vivere

 

Sognare è Vivere rappresenta il debutto alla regia di Natalie Portman è tratto dall’autobiografico libro Una Storia di Amore e di Tenebra di Amos Oz.

Nella Gerusalemme degli anni 40, il figlio di Arieh e Fania – Amos – è parte di una delle famiglie ebree scappate all’Olocausto. Per alleggerire e divertire il proprio animo e quello del figlio, Arieh, racconta avventurose storie ad Amos.

Affascinato dalle narrazioni, il piccolo di 10 anni verrà influenzato da quelle storie che avranno effetto sulla sua scrittura, mentre è testimone della nascita dello Stato di Israele, che porta con sé i conflitti con la popolazione araba.

Un personale nuovo inizio si affianca alla nascita di un nuovo paese.

Sieranevada

Sieranevada

 

Accolto trionfalmente al 69esimo Festival di Cannes, Sieranevada è un affresco ironico e trascinante che apre allo spettatore le porte dell’appartamento di Bucarest dove – tre giorni dopo l’attentato contro Charlie Hebdo e quaranta dopo la morte del padre – Lary trascorre la domenica con tutta la famiglia, riunita per commemorare il defunto.

Non tutto, però, va come previsto: tra segreti e bugie, costumi di carnevale sbagliati e nostalgie del regime, sbornie da smaltire e complotti da sventare, Lary si vedrà costretto ad affrontare le proprie paure, a riconsiderare il proprio posto all’interno della famiglia. E a dire la sua parte di verità.

Un Appuntamento per la Sposa

 

Michal, ebrea ortodossa trentaduenne, ha un solo sogno: il matrimonio.

Così, dopo essere stata lasciata dal suo futuro marito, decide ugualmente di andare avanti con i preparativi, nella speranza di trovare un altro uomo da sposare entro la data fissata per le nozze.

Un’eroina romantica e anticonformista in una cultura – quella dell’ortodossia ebraica – poco raccontata al cinema.

La regista israeliana Rama Burshtein, dopo il successo di “La sposa promessa”, dirige una commedia coinvolgente e riflessiva con una straordinaria Noa Koller che ha vinto il premio Miglior Attrice Protagonista al Festival del Cinema di Haifa.

Un Appuntamento per la Sposa è stato presentato al Festival di Venezia nella sezione Orizzonti.

Quello che So di Lei

 

Claire è un’ostetrica appassionata del suo lavoro e una donna generosa, votata agli altri.

Con il passare del tempo, però, i suoi modi delicati, il suo senso di orgoglio e di responsabilità iniziano a scontrarsi con i metodi più efficienti dei moderni ospedali.

Già preoccupata per la chiusura del reparto maternità dove lavora, vede la sua vita stravolta dal ritorno inaspettato di Béatrice, l’affascinante quanto stravagante ex amante del defunto padre, sparita senza lasciare traccia trent’anni prima.

Dall’effervescente incontro tra due donne così diverse, nascerà un’amicizia dolce e inaspettata.

Provost, abile nel raccontare il mondo femminile, affida ad un duo strepitoso, Deneuve-Frot, il suo film più intenso e appassionato: una commedia frizzante e al tempo stesso profonda.

Musa di registi indimenticabili come François Truffaut, Luis Buñuel e Roman Polanski, la magnifica Catherine Deneuve torna sul grande schermo in Quello che So di Lei, diretto da Martin Provost. Al fianco della Deneuve, il Premio César Catherine Frot (La Cena dei Cretini).

Quello che So di Lei è stato presentato fuori concorso al Festival di Berlino 2017.

Cuori Puri

 

Agnese e Stefano sono molto diversi.

Lei, 18 anni appena compiuti, vive con una madre dura e devota, frequenta la chiesa e sta per compiere una promessa di castità fino al matrimonio.

Lui, 25 anni, è un ragazzo dal passato difficile che lavora come custode in un parcheggio di un centro commerciale confinante con un grande campo rom.

Dal loro incontro nasce un sentimento vero, fatto di momenti rubati e di reciproco aiuto. Il desiderio l’uno dell’altra cresce sempre di più, fino a quando Agnese, incerta se tradire i suoi ideali, si troverà a prendere una decisione estrema e inaspettata.

Agnese e Stefano ti aspettano in Cuori Puri, dal 24 maggio nelle sale Circuito Cinema.

Fortunata

Fortunata è una giovane madre con un matrimonio fallito alle spalle e una bambina di 8 anni.

Fa la parrucchiera a domicilio ma combatte con determinazione per conquistare il proprio sogno: aprire un negozio di parrucchiera nel tentativo di emanciparsi e conquistare il diritto alla felicità. Non ha considerato, però, la variabile dell’amore, l’unica forza capace di far perdere ogni certezza.

Fortunata è un aggettivo qualificativo femminile singolare. Ma è anche il nome di una donna. E soprattutto un destino. E non è detto che quel destino uno se lo meriti.

In concorso nella sezione Un Certain Regard 2017 il film Fortunata unisce, ancora una volta, un duo di pregio: il regista Sergio Castellito e la scrittrice Margaret Mazzantini.

Orecchie

 

Orecchie è un on the road a piedi lungo un giorno, una tragicomica via crucis attraverso una Roma in bianco e nero, la storia di un uomo senza nome che, attraverso svariati incontri, raccoglie pezzi di un puzzle che alla fine compongono l’immagine di se stesso.

È una commedia sul senso di smarrimento, di scollamento dalla realtà che ci circonda. Un mondo che spesso appare folle, incomprensibile, minaccioso. Sul timore e il desiderio dell’anonimato che combattono continuamente dentro ognuno di noi.

Su quel fischio alle orecchie che proviamo ogni giorno a ignorare, nascondendolo sotto la vita. Come polvere sotto il tappeto.

Tutto Quello che Vuoi

 

Alessandro (Andrea Carpenzano) è un ventiduenne trasteverino ignorante e turbolento; Giorgio (Giuliano Montaldo) un ottantacinquenne poeta dimenticato. I due vivono a pochi passi l’uno dall’altro, ma non si sono mai incontrati, finché Alessandro accetta malvolentieri un lavoro come accompagnatore di quell’elegante signore in passeggiate pomeridiane.

Col passare dei giorni dalla mente un po’ smarrita dell’anziano poeta, e dai suoi versi, affiora progressivamente un ricordo del suo passato remoto: indizi di una vera e propria caccia al tesoro.

Seguendoli, Alessandro si avventurerà insieme a Giorgio in un viaggio alla scoperta di quella ricchezza nascosta, e di quella celata nel suo stesso cuore.

Incontra Alessandro e Giorgio in Tutto Quello che Vuoi.

 

Scopri questi magnifici film nelle sale Circuito Cinema dal 22 giugno.