I film da non perdere nelle sale di Circuito Cinema questa settimana

 

Due nuove imperdibili uscite nelle sale di Circuito Cinema questa settimana: il nuovo atteso capolavoro di Paul Thomas Anderson, Il filo nascosto, e l’opera seconda di Laura Bispuri, presentata in questi giorni al Festival del Cinema di Berlino, Figlia mia. Scopri tutti i film in programmazione nelle nostre sale di Roma e Firenze.

Il filo nascosto

Regista tra i più influenti della sua generazione, Paul Thomas Anderson è sicuramente uno degli autori più importanti del cinema americano contemporaneo. Torna adesso al cinema con un film straordinario, interpretato da Daniel Day Lewis, attori vincitore di tre premi Oscar che forse vedremo in quest’occasione per l’ultima volta sul grande schermo.

Figlia mia

Unico film italiano in concorso al Festival Del Cinema di Venezia, Figlia mia è l’opera secondo di Laura Bispuri, interpretato da due grandi attrici italiane: Valeria Golino e Alba Rorhwacher. Vittoria è una bambina divisa tra due madri: Tina, madre amorevole che vive in rapporto simbiotico con la piccola e Angelica, una donna fragile e istintiva, dalla vita scombinata. Rotto il patto segreto che le lega sin dalla sua nascita, le due donne si contendono l’amore di una figlia. Vittoria, 10 anni appena compiuti, vivrà un’estate di domande, di paure, di scoperte.

I film ancora nelle sale di Circuito Cinema

La Forma dell’acqua

Vincitore del Leone d’Oro all’ultimo Festival del Cinema di Venezia e candidato a ben 13 premi oscar, arriva nelle nostre sale il film più atteso dell’anno: La Forma dell’acqua. Una fiaba sovrannaturale ambientata sullo sfondo dell’America della Guerra Fredda, ma soprattutto una storia d’amore poetica e struggente: la timida Elisa lavora in un laboratorio segreto finanziato dal governo in cui vengono effettuati strani esperimenti. Un giorno, per caso, scopre un essere misterioso che gli americani vogliono utilizzare come arma contro i russi. Attratta dalla strana creatura, Elisa instaura con lei un’intesa speciale che sfocerà ben presto in amore.

A casa tutti bene

Dopo la parentesi americana, torna in Italia per dirigere (come solo lui sa fare) un film corale dal potenziale straordinario: esce A casa tutti bene di Gabriele Muccino. Contraddistinto da un cast straordinario composto, tra gli altri, da Srefano Accorsi, Pierfrancesco Favino e Stefania Sandrelli, il film racconta la storia di una grande famiglia che si ritrova a festeggiare le Nozze d’Oro sull’isola dove gli anziani genitori si sono trasferiti. Un’improvvisa mareggiata rende impossibile il rientro sulla terraferma e il contrattempo fa sì che i protagonisti si ritrovino a fare i conti con gelosie mai sopite, inquietudini, demoni personali e improvvisi colpi di fulmine.

Final Portrait – L’arte di essere amici

Diretto dall’attore e regista Stanley Tucci (al suo quinti lungometraggio dietro la macchina da presa), Final Portrait – L’arte di essere amici racconta la storia di un genio, il pittore Alberto Giacometti, e di un’amicizia fra due uomini e due artisti: lo stesso Giacometti e lo scrittore americano James Lord. Interpretato da un cast straordinario in cui spiccano le magistrali interpretazioni del premio Oscar Geoffrey Rush (Il discorso del re”), nei panni del pittore svizzero, e Armie Hammer (Chiamami col tuo nome), il film vi aspetta nelle nostre sale.

I Primitivi

Nick Park ci porta alla scoperta di un mondo preistorico decisamente originale. La vita del giovane Dag e della sua pacifica e bizzarra tribù scorre pacifica, finché l’Età del Bronzo non irrompe (letteralmente) nelle loro vite sotto forma di una tribù più evoluta che li scaccia dalle proprie terre. Lo scontro tra le due civiltà prende la forma di un’epica sfida in un gioco di cui fino a quel momento Dag non aveva mai sentito parlare, a differenza dei suoi nemici, già maestri in campo grazie a Dribblo: il calcio.

Ore 15:17 Attacco al treno

Clint Eastwood ritorna dietro la macchina da presa per continuare il suo percorso di celebrazione dell’eroismo americano (non senza qualche osservazione critica nei confronti della società statunitense). Dopo la storia del cecchino Chris Kyle in American Sniper e quella del pilota Chesley Sullemberg in Sully, questa volta Eastwood racconta ciò che accadde il 21 agosto del 2015 su un treno diretto a Parigi, quando tre giovani americani sventarono un attentato terroristico.

The Party

La regista Sally Potter torna al cinema con il suo film più divertente, contraddistinto da un cast prestigioso. Janet (Kristin Scott Thomas) è stata nominata Ministro ombra del Governo. Lei e suo marito Bill (Timothy Spall) decidono di festeggiare con gli amici più stretti. La festa, però, volge inaspettatamente al peggio quando Bill fa due rivelazioni esplosive. Amore, amicizia, convinzioni politiche e un intero stile di vita vengono messi in discussione. Sotto la superficie elegantemente liberal degli ospiti freme la rabbia. Campione d’incassi nel Regno Unito, è un perfetto “manuale di humour britannico” che, a suon di battute taglienti e interpretazioni magistrali, ha conquistato la stampa di tutto il mondo.

C’est la vie – Prendila come viene

Dopo il successo di Quasi Amici, torna la coppia di registi più brillante del cinema francese, Eric Toledano e Olivier Nakache con una commedia tutta da ridere: C’est la vie – Prendila come viene. Max e il suo team sono i migliori organizzatori di matrimoni di tutta la Francia. Ma quando i due sposini Pierre e Elena contattano Max per organizzare il loro matrimonio in un magnifico castello poco fuori Parigi, il (divertente) disastro è dietro l’angolo.

 

The Post

Tre nomi che sono una garanzia di grande cinema: Steven Spielberg, Meryl Streep e Tom Hanks. The Post è sicuramente uno dei film più attesi dell’anno; accolto trionfalmente dalla critica di tutto il mondo, il film è un thriller politico che racconta la vicenda legata alla pubblicazione, nel 1971, dei famosi “Pentagon Papers”, documenti top secret del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sul quotidiano The Washington Post.

Chiamami col tuo nome

Si preannuncia come uno dei film più interessanti del 2018, Chiamami col tuo nome, il nuovo atteso film di Luca Guadagnino. Tratto dal romanzo di André Aciman e su una sceneggiatura scritta da James Ivory, il regista italiano racconta (ispirandosi un po’ al cinema di Bernando Bertolucci) il rapporto fra il giovane Elio (Thimotheé Chalamet) e lo studente Oliver (Armie Hammer), ospite in casa del ragazzo per una estate. Il film sarà sicuramente uno degli assoluti protagonisti della serata degli Oscar che si terrà il prossimo 4 marzo, avendo ricevuto ben 4 nomination: Miglior Film, Miglior Sceneggiatura Non Originale, Miglior Attore Protagonista e Miglior Canzone Originale.

 

Ella & John

Regista tra i più importanti del cinema italiano contemporaneo, Paolo Virzì sbarca per la prima volta nella sua carriera a Hollywood, come diversi colleghi prima di lui (basti pensare a Paolo Sorrentino), per girare un emozionante on the road interpretato da Hellen Mirren e Donald Sutherland. Ella & John, tratto dall’omonimo romanzo In viaggio contromano di Michael Zadoorian, racconta la storia di una coppia di ottantenni che decidono di compiere l’ultimo viaggio della loro vita per ritornare nei luoghi che hanno segnato la loro storia d’amore.

L’Ora più buia

Protagonista della prima stagione della serie tv The Crown, lo statista britannico Winston Churchill è il protagonista assoluto dell’ultimo atteso film di Joe Wright, L’Ora più buia. Nel 1940, a seguito dell’invasione nazista della Polonia, il primo ministro britannico si trova a dover confrontare la crisi europea e a prendere importanti decisioni per quanto concerne il conflitto bellico in corso. Nella parte Churchill un grandissimo Gary Oldman, in odore di Premio Oscar.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri

È stato il protagonista assoluto della serata dei Golden Globe, aggiudicandosi ben quattro premi: Miglior Film Drammatico, Miglior Attrice Protagonista (Frances McDormand), Miglior Attore Non Protagonista (Sam Rockwell) e Miglior Sceneggiatura. Tre Manifesti a Ebbing, Missouri è la storia di una donna combattiva che nella puritana provincia americana decide di schierarsi apertamente contro lo sceriffo e il suo vice, rei, secondo la donna, di non aver fatto abbastanza per catturare l’assassino della figlia. A metà strada fra dramma e commedia, il film Martin McDonagh si candida ad essere uno dei grandi protagonisti dei prossimi Premi Oscar.

Benedetta follia

Carlo Verdone torna al cinema con una nuova strabiliante commedia: Benedetta follia. Il film racconta le vicissitudini del povero Guglielmo (Carlo Verdone), uomo pio e devoto, proprietario di un negozio di oggettistica religiosa. La sua vita, almeno secondo il suo punto di vista, è perfetta. Peccato che, di punto in bianco, la moglie (Lucrezia Lante Della Rovere) dedica di lasciarlo il giorno del loro venticinquesimo anniversario. Per fortuna a sconvolgere (in positivo) la vita di Guglielmo arriva la giovane ed esuberante Luna (Ilenia Pastorelli), che non solo sarà assunta nel negozio in qualità di commessa, ma diventerà anche la “consulente d’amore” del protagonista.

 

L’Insulto

Dopo il successo al Festival del Cinema di Venezia arriva nelle sale L’Insulto, il film del regista libanese Ziad Doueiri. La trama del film ruota intorno a un banale litigio fra due uomini, il cristiano Toni e il palestinese Yasser, che contribuisce a far venire a galla antichi rancori fra culture e religioni diversi sullo sfondo di un Libano che non sembra aver fatto pace con la propria storia (recente).

Scopri questi magnifici film nelle sale Circuito Cinema dal 14 febbraio.